fbpx

Differenza tra Garante e Cointestatario nel mutuo e come liberarli

0 Comments

Ricci Elena

“Consulente del credito Euroansa”

La differenza tra Garante e cointestatario nel mutuo, nel testo le definizioni, chi possono essere gli attori e come svincolarli.

A volte ci si trova nella situazione in cui non riusciamo ad accedere ad un finanziamento legato all’acquisto della prima casa, perché la nostra condizione finanziaria legata alla situazione economica familiare, non è sufficiente a coprire quelle garanzie che l’istituto di credito scelto ci chiede.

Per ampliare quindi la nostre possibilità e vederci concesso il mutuo, l’istituto ci chiede l’intervento di una figura a garanzia dell’obbligazione.

Le figure che entrano in gioco possono essere due:

  • Il Garante, definito anche fidejussore;
  • Il Coobbligato definito anche Co-intestatario.

il Garante è una figura terza rispetto agli attori che stipulano l’obbligazione (l’atto di mutuo) è, in altre parole, un “osservatore” tra le parti (banca e cliente) che stipulano gli accordi.

il Garante interviene nel momento in cui il cliente si trova nella condizione, molto banalmente, di non pagare le rate del mutuo.

Questa condizione di supporto non è però automatica e immediata, il garante è tenuto a saldare quanto dovuto al posto del soggetto che ha stipulato il contratto con l’istituto di credito, dopo che questi ha ricevuto dalla banca i solleciti di pagamento fino alla sua messa in mora, questa è una sostanziale differenza tra garante e cointestatario nel mutuo.

Il garante risponde nei confronti della banca per tutta la durata del mutuo e con tutto il suo patrimonio rimanendo comunque fuori dalle pattuizioni, per il suo ruolo di “osservatore” non gli è possibile beneficiare in alcun modo delle detrazioni fiscali sugli interessi passivi del finanziamento, un’altra sostanziale differenza tra garante e cointestatario nel mutuo.

Per prassi, il garante viene accettato dalla banca solo se è un parente diretto del richiedente, tale affermazione non trova alcun riferimento giuridico, però molte politiche bancarie ritengono che un parente diretto possa essere meglio identificato come “Garante”, una sostanziale differenze tra Garante e cointestatario nel mutuo è appunto che il garante viene meglio identificato come un parante diretto, il cointestatario del mutuo può essere chiunque.

Come già scritto il garante ha il ruolo di “osservatore” ma nel caso in cui volesse chiedere un mutuo per se stesso, la banca prenderà in considerazione l’impegno di “osservatore” detraendo quell’impegno, a seconda della politica della banca scelta, dal calcolo del reddito netto disponibile.

Una importante differenza tra garante e cointestatario nel mutuo è che il coobbligato è attore diretto nel contratto stipulato con l’istituto di credito, non è un osservatore bensì un cointestatario.

Rientra in tutti gli obblighi del richiedente principale, come ad esempio l’immediato pagamento dell’insoluto.

Come Liberare un garante dal contratto di mutuo:

Qualora il richiedente, nel proseguo del contratto abbia rafforzato la sua situazione economica tanto che il supporto del garante non sia più necessario, con semplice richiesta all’istituto di credito è possibile rimuovere oppure modificare il soggetto che ha prestato garanzia senza stipulare un nuovo contratto di mutuo.

Come Liberare un Coobbligato dal contratto di mutuo:

Nel caso del coobbligato invece la situazione è diversa.

Il coobbligato, come detto, interviene direttamente nel contratto stipulato con l’istituto di credito, per svincolarlo dall’obbligazione non vi è altro modo che stipulare un nuovo contratto con l’istituto di credito (o altro istituto) che vada a chiudere la posizione esistenze.

Questa è una sostanziale differenza tra garante e cointestatario nel mutuo, questa operazione, in genere si chiama “Sostituzione“.

La surroga del mutuo invece, non libera in alcun modo il coobbligato, volendo invece, se le condizioni finanziarie sono in linea con le politiche della nuova banca è possibile liberare il garante.

Il vantaggio di affidarsi ad un consulente del credito

Mi occuperò del processo per l’ottenimento del finanziamento o del mutuo alle migliori condizioni con o senza Consap fino all’atto finale di compravendita ed in particolare:

In caso di mutuo acquisto, surroga o consolidamento debiti:

  • Non tutti gli istituti di credito hanno lo stesse politiche decisionali: Studio della condizione finanziaria e lavorativa del cliente ed individuazione del miglior istituto di credito per quelle che sono le caratteristiche e le politiche di ogni istituto.
  • Preparazione della relazione preliminare per presentare nel migliore dei modi all’istituto di credito individuato la pratica ed evidenziarne, prima di procedere all’inserimento, eventuali criticità e sistemi di soluzione, prima che questa vada in istruttoria evitando un inaspettato dienigo.
  • Prima di stilare il preliminare di compravendita della tua casa: Ottenimento del visto commerciale per procedere al superamento di eventuali clausole sospensive e avere un primo dato per valutare come affrontare eventuali impegni contrattualistici, come ad esempio il preliminare di compravendita e stabilire realisticamente la data di erogazione del mutuo e quindi di andata a rogito.
  • Non vincoliamoci ad orari o appuntamenti: Inserimento e inoltro diretto dal mio ufficio al centro istruttorie dell’istituto di credito scelto della domanda e della documentazione necessaria, mediante portale dell’istituto stesso al quale, per convenzione stipulata con Euroansa, ho accesso diretto. Tale condizione permette di inserire e verificare tutto il processo con tempistiche adeguate e senza essere vincolati agli orari bancari, alla presenza o meno di eventuali dipendenti della stessa.
  • Controllo costante sull’avanzamento della pratica direttamente dal mio ufficio.
  • Se il deliberante dell’istituto di credito (ovvero colui che, dalla sede centrale dell’istituto di credito, fisicamente e personalmente ha il potere di decidere in positivo o in negativo) ha dubbi o perplessità su condizioni o situazioni particolari: Adeguamento tempestivo della domanda a richiesta del deliberante per qualsivoglia richiesta di integrazione o di chiarimenti per casi particolari, direttamente dal mio ufficio e senza essere legati ad orari di apertura dell’istituto di credito e senza necessità di recarsi personalmente in filiale.
  • Affiancamento continuo per tutta la durata dell’operazione al fine di mantenere condizioni competitive adattandole ai cambiamenti del mercato. 

In caso cessione del quinto dello stipendio, assicurazione o altro:

  • Studio della condizione finanziaria e lavorativa, ed individuazione del migliore strumento di finanziamento o assicurativo per quelle che sono le caratteristiche e le politiche di ogni istituto, per ottenere il miglior prodotto disponibile.
  • Raccolta documentale diretta da far pervenire di persona o tramite mail presso il mio ufficio per l’Inserimento diretto mediante portale dell’istituto scelto,al quale, per convenzione stipulata con Euroansa, ho accesso diretto, con tempistiche adeguate e senza essere vincolati agli orari di banche, istituti o assicurazioni e alla presenza o meno di eventuali dipendenti della stessa, senza recarsi personalmente in filiale.
  • Adeguamento tempestivo della domanda presentata a qualsivoglia richiesta di integrazione con le stesse modalità sopra descritte, direttamente dal mio ufficio direttamente al portale dell’istituto scelto
  • Affiancamento continuo per tutta la durata dell’operazione al fine di mantenere condizioni competitive adattandole ai cambiamenti del mercato. 

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.