Mutuo

Ricci Elena

“Consulente del credito Euroansa”

Il mutuo per la tua casa

Con il mutuo le persone realizzano l’acquisto più importante della vita sia in termini di importo dell’ investimento che di durata.

Per questo è fondamentale decidere con consapevolezza cosa è più giusto per la tua situazione specifica.

é importante affidarsi ad un consulente indipendente che, aldilà dei preventivi, ti mostri quali siano le tue possibili alternative e cosa comportano alcune decisioni nel tempo come ad esempio in termini di:

  • Valutazioni preliminari per ottenere un mutuo;
  • Mutuo fino all’80% e oltre;
  • Scelta del garante o del cointestatario;
  • Aderire o meno alla Consap;
  • Cambio del mutuo stipulato a condizioni più vantaggiose;
  • Il mutuo per ripianare i debiti
  • TASSO FISSO O TASSO VARIABILE
  • Le polizze assicurative a tutela del mutuo

Valutazioni preliminari per ottenere un mutuo

Per vedersi concesso un mutuo ipotecario l’istituto di credito effettua uno studio preliminare sul cliente che richiede il finanziamento per assicurarsi che il soggetto sia in grado di pagare le rate e di saldare il debito.

La banca analizzerà  quattro aspetti importanti:

  1. la storia finanziaria del cliente: l’istituto di credito verifica se il cliente è una persona affidabile mediante il controllo di apposite banche dati;
  2. il controllo protesti per vedere se in passato il soggetto richiedente ha avuto alcuni problemi nel pagamento di cambiali o di assegni;
  3. un controllo presso la Camera di Commercio per scongiurare che ci sia una partecipazione in società a rischi di fallimento da parte del futuro mutuatario;
  4. un controllo sulla puntualità dei pagamenti e dello storico dei prestiti

Valutare anche prima di aver individuato l’immobile la propria situazione finanziaria per sapere, in base al proprio reddito, quanto è possibile ottenere di erogato è utile ad focalizzare la ricerca del bene stesso ed essere più incisivo in fase di trattativa.

Leggi il mio articolo di approfondimento sulle valutazioni preliminari


Mutuo fino all’80% e oltre.

Solitamente, l’istituto bancario che eroga il finanziamento concede al massimo l’80% del valore di acquisto dell’immobile però, alcuni istituti, possono arrivare a concedere fino al 95% del valore.

Qui entrano in gioco però le caratteristiche stesse dell’immobile che si intende acquistare ovvero il suo peso economico.

Se sono rispettati alcuni criteri la banca potrà concedere fino al 95% del prezzo di acquisto.

il 95% che la banca ci può concedere, deve equivalere almeno all’80% del valore di perizia.

N.B. SOLO ALCUNI ISTITUTI DI CREDITO HANNO IL PRODOTTO “FINO AL 95%”.

Leggi il mio articolo di approfondimento sui mutui oltre l’80% e fino al 90%


La scelta del garante o del cointestatario

A volte ci si trova nella situazione in cui non riusciamo ad accedere ad un finanziamento legato all’acquisto della prima casa, perché la nostra condizione finanziaria legata alla situazione economica familiare, non è sufficiente a coprire quelle garanzie che l’istituto di credito scelto ci chiede.

Per ampliare quindi la nostre possibilità e vederci concesso il mutuo, l’istituto ci chiede l’intervento di una figura a garanzia dell’obbligazione.

Le figure che entrano in gioco possono essere due:

  • Il Garante, definito anche fidejussore;
  • Il Coobbligato definito anche Co-intestatario.

il Garante è una figura terza rispetto agli attori che stipulano l’obbligazione (l’atto di mutuo) è, in altre parole, un “osservatore” tra le parti (banca e cliente) che stipulano gli accordi mentre il coobbligato è attore diretto nel contratto di mutuo stipulato.

Leggi il mio articolo di approfondimento riguardo al garante e al cointestatario e come eventualmente liberarli in futuro.


ADERIRE O MENO ALLA CONSAP

Ci sono soggetti che hanno più difficoltà di altri ad avere accesso al credito ,tra questi, ci sono sicuramente i giovani con contratti di lavoro a tempo determinato, atipici, o a tempo indeterminato  con un ISEE non elevato (Secondo quanto stabilito di volta in volta dal legislatore).

Per superare questi limiti di accesso al credito  lo Stato ha, da qualche anno, attivato un fondo di garanzia la cui quota è variabile annualmente in base alla Legge di Bilancio in vigore nell’anno in corso.

Si tratta, appunto, di un fondo statale gestito da Consap che rende così più semplice l’accesso al credito.

Se vuoi saperne di più ti rimando alla pagina dedicata alla CONSAP per essere aggiornato su tutti gli aggiornamenti normativi e su come aderire al fondo.


CAMBIO MUTUO A CONDIZIONI PIU’ VANTAGGIOSE.: SURROGA – RINEGOZIAZIONE – SOSTITUZIONE

Per coloro che sottoscrivono un mutuo sulla base di determinate condizioni contrattuali esistono delle possibilità di uscire dalla situazione in essere ed ottenere degli accordi più vantaggiosi.

il cambio mutuo può avvenire mediante tre modalità:

  • Surroga,
  • Rinegoziazione,
  • Sostituzione.

Tramite la surroga del mutuo è possibile trasferire il mutuo ad un differente istituto di credito senza spese.

Con la rinegoziazione del mutuo il mutuatario tenta di modificare, in accordo con il proprio istituto bancario, le condizioni inizialmente stabilite al momento della stipula del contratto.

Con la “sostituzione del mutuo“, invece è l’operazione tramite cui si estingue un mutuo acceso presso una banca e se ne stipula un altro con un diverso istituto di credito.

Se vuoi saperne di più ti rimando alla pagina dedicata alla SURROGA per essere aggiornato su tutti gli aggiornamenti normativi e su quale potrebbe essere per te la scelta migliore.


IL MUTUO PER RIPIANARE I DEBITI

Se hai più di un finanziamento in corso e le le rate mensili iniziano a gravare sul bilancio familiare sappi che puoi unirle in un unica rata, spalmarla su più tempo e di conseguenza ridurre il carico mensile e, in alcuni casi, ottenere una liquidità aggiuntiva.

Questo è il consolidamento dei debiti introdotto dal decreto legge 212/2011 (Disposizioni urgenti sulla crisi da sovraindebitamento).

Se vuoi saperne di più ti rimando alla pagina dedicata al CONSOLIDAMENTO DEBITI per essere aggiornato su tutti gli aggiornamenti normativi e su quale potrebbe essere per te la scelta migliore.


LA SCELTA DEL TASSO: TASSO FISSO E TASSO VARIBILE

Il tasso variabile è una formula in cui l’ammontare degli interessi dipende dall’andamento di uno o più indici di riferimento precedentemente definiti alla stipula del contratto di finanziamento, e in generale del mutuo per l’acquisto della tua casa.

Il tasso variabile è calcolato sulla base dell’Euribor (tasso interbancario di offerta in euro), molto semplicemente le banche si prestano denaro tra di loro, chi ha più liquidità la presta all’istituto che ne ha meno, questi prestiti tra istituti avvengono a un tasso ben preciso, cioè l’EURIBOR..

Vantaggi del mutuo tasso variabile

•  Inizialmente il tasso variabile, se confrontato con quello fisso, è sempre più conveniente.
•  Se l’inflazione diminuisce chi ha un mutuo variabile ne trae vantaggio, la rata infatti diminuirà.

Se vuoi saperne di più sul tasso variabile ti rimando all’artitcolo dedicato per capirne il funzionamento e i vantaggie su quale potrebbe essere per te la scelta migliore.


Le polizze assicurative a tutela del mutuo

Per proteggere i tuoi familiari e il tuo investimento puoi stipulare una polizza assicurativa che ti permette di coprire le rate del mutuo o di estinguerlo in caso di:

    • Invalidità temporanea;
    • Invalidità totale permanente;
    • Infortuni;
    • Incendio scoppio spesso legata al mutuo, ma non solo;
    • Responsabilità civile;
    • Donazione immobile; (da i rischi Immobili oggetto di donazione)
      • Donazione Sicura è la prima copertura assicurativa che annulla i rischi derivanti dall’acquisto eppure da finanziamenti di beni di provenienza donativa, garantendo la sicurezza della compravendita.
    • Perdita lavoro. 

Se vuoi saperne di più sulle polizze assicurative ti rimando alla pagina dedicata per capirne il funzionamento e i vantaggi su quale potrebbe essere per te la scelta migliore.

PER UNA CONSULENZA

Vuoi saperne di più? chiamami al 3518447499